Temporary Management

Nello scenario attuale sempre più competitivo e ad alta velocità di cambiamento, le aziende hanno bisogno di forti competenze mirate di natura operativa, che si immergono in fretta nella struttura, apportando visione strategica, capaci di far svoltare l’azienda e supportando la proprietà nelle scelte più importanti.

Sempre più spesso si fa ricorso all’intervento di un Temporary Manager.

Il Temporary Manager possiede una spiccata professionalità, attitudine alla comunicazione, è determinato nel raggiungere gli obiettivi fissati, è un leader naturale, ragiona da project manager, trae motivazione dalle sfide professionali, non ama la routine.

Il Temporary Manager non viene rigettato dall’organizzazione perché si sa che è di passaggio anche se è necessario che riceva importanti deleghe, non entra in competizione anzi valorizza le skills dei singoli, anche dei vertici aziendali, creando nuove opportunità, sa comunicare ai vari livelli aziendali, lavora anche per trasferire competenze manageriali alle risorse interne che rimarranno nell’organizzazione a fine mandato.

Il Temporary Manager non è alternativo alla consulenza, è semplicemente una professione diversa, che richiede a sua volta attitudini, motivazioni e competenze diverse da quelle normalmente identificabili in un consulente.

Esiste certamente un sottile legame tra TM e consulenza: spesso infatti, un intervento di TM segue un intervento di consulenza, nel quale sono state identificate e definite una serie di azioni da intraprendere per raggiungere un dato obiettivo.

Il TM diviene colui che implementa quanto riscontrato dall’azienda e consulente, il quale a sua volta può affiancare il TM.

Nella gestione del cambiamento il TM è una figura importante di accompagnamento e di delega per alcuni interventi, anche quando si vuole affidare alcune skills all’esterno.

 

Per informazioni e consulenza gratuita contattaci per parlare con un nostro professionista compilando il form.